Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lo chiamavano Giacinto

Lo chiamavano Giacinto
titolo Lo chiamavano Giacinto
sottotitolo La favola dolceamara di Facchetti, il terzino cannoniere
autore
argomenti Storie di vita
Sport
editore Melampo Editore
formato Libro
pagine 137
pubblicazione 2007
ISBN 9788889533215
 
13,00
 
Disponibilità immediata

Disponibile anche nel formato

Informazioni importanti

"Quei nomi innanzitutto. Antichi. Geurrieri o gentili, reminiscenze greche e latine, di gentes romane, ricordo di uomini arditi, di fiori profumati. Giuliano, Tarcisio, Giacinto, Aristide, Armando... Nomi di italiani in gita. Sarti-Burgnich-Facchetti-Tagnin (poi Bedin)-Guarneri-Picchi. Non è una formazione dell'Inter, è una filastrocca generazionale. Non è una squadra di calcio, è una nenia di mamma, di quelle che ti fanno coraggio, l'auspicio bambino di una notte serena e di un giorno migliore. È un pezzo di storia collettiva" 
Giacinto Facchetti è stato uno dei più grandi simboli del calcio italiano e della centenaria storia dell'lnter. Vicecampione del mondo in Messico nel 70, campione d'Europa a Roma nel '68, ha giocato con la Nazionale azzurra 94 partite, delle quali 70 da capitano. In nerazzurro ha giocato 728 partite ufficiali, vincendo quattro scudetti, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. Famoso in tutto il mondo per le doti di "cannoniere" (come si diceva una volta), ha segnato in serie A 59 gol, record di tutti i tempi per un difensore. Proverbiale per la correttezza in campo, è stato uno dei campioni più benvoluti dalle tifoserie di ogni colore. Diventato dirigente e presidente dell'lnter, è stato negli ultimi anni della sua vita tra i più fieri avversari del calcio cresciuto intorno al nome e al potere di Luciano Moggi. La sua storia, per gli ambienti che evoca, per i valori che porta negli stadi, per i cambiamenti sociali per cui passa con pudore, finisce in fondo per essere, anche, una testimonianza pasoliniana del cammino dell'Italia contadina verso la modernità. Una testimonianza fatta di misura e di decoro, perfino nelle foto d'epoca, che lo vedono spesso in secondo piano per un'antica abitudine a "non coprire la visuale".
 

Biografia dell'autore

Massimo Arcidiacono

Giornalista, in gioventù redattore del mensile Società Civile, lavora al quotidiano La Gazzetta dello Sport. Ha pubblicato L'anno dei complotti (con Fabio Andriola, 1995) per Baldini&Castoldi; Io può (con Maurizio Nicita, 2003) per Rcs Quotidiani-La Gazzetta dello Sport.

Ti potrebbe interessare anche

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.