Il tuo browser non supporta JavaScript!

Governare con la paura

Governare con la paura
titolo Governare con la paura
sottotitolo Il G8 del 2001, i giorni nostri
autori , ,
argomenti Cronache e storia
Legge e giustizia
Storie di vita
Italia e politica
Cultura e società
editore Melampo Editore
formato Libro
pagine 173
pubblicazione 2009
ISBN 9788889533376
 
18,00
 
Disponibilità immediata

in pillole

"Lasciamo tutte queste pesone nei loro passamontagna e con i loro bastoni, diamogli l'illusione di avere vinto e faccamogli vedere che alla lunga saremo noi a vincere e potremo guardare nei loro occhi non con odio, che si riserva a un nemico, ma con la serena consapevolezza della nostra innocenza. Coraggio ragazzi, il vostro Comandante vi è vicino e ancora indossa il casco inseieme a voi. Ancora non ci hanno messo a terra"
Vincenzo Canterini,
dalla lettere ai "ragazzi del VII nucleo" del reparto mobile di Roma
La paura. È diventata lei il vero mezzo di governo, l'instrumentum regni per eccellenza del nuovo sovrano. Una dimensione permanente della psicologia di massa, un sentimento a due facce che ora aizza contro "i diversi", ora piega i cittadini alle pretese del potere. Si governa facendo paura. Si governa seminando paura. Gli abusi e le torture del G8, i divieti di manifestare, le minacce contro il movimento degli studenti. E insieme l'odio fomentato ogni giorno contro gli immigrati o i rom, colpevoli di attentare ai "nostri beni" o alle "nostre donne". È l'Italia raccontata da questa inchiesta. Governata, nelle sue viscere profonde, da una destra che ha fatto della paura (con sorriso televisivo) la propria bandiera. E che dalle trasmissioni Rai riabilita l'Italia del ventennio.
 

Biografia degli autori

Beppe Cremagnani

Giornalista, ha lavorato a la Repubblica e a l'Unità ed è stato autore di varie trasmissioni televisive: Milano, Italia; Il laureato; Inviato speciale; La nostra Storia; Ragazzi del '99; L'elmo di Scipio. È stato anche consulente della trasmissione di Raitre Che tempo che fa e collaboratore di Diario.

Enrico Deaglio

Giornalista, ha diretto i quotidiani Lotta Continua e Reporter. Ha poi lavorato in numerose testate (tra cui la Stampail ManifestoEpocaPanoramal'Unità). Negli anni Novanta ha condotto vari programmi d'inchiesta giornalistica di attualità per la Rai, tra cui: Milano, ItaliaRagazzi del '99L'elmo di Scipio. Dal 1997 al 2008 ha diretto il settimanale Diario, realizzando quattro documentari in collaborazione con Beppe Cremagnani e il regista Ruben H. Oliva. Oltre ad alcune opere di narrativa, ha pubblicato per Feltrinelli i libri-inchiesta: La banalità del beneStoria di Giorgio Perlasca (1991), da cui è stato tratto il film tv; Raccolto rossoLa mafia, l'Italia (1992); Besame mucho (1995) e Bella ciao (1996). È in pubblicazione Patria (Il Saggiatore, 2009).

Mario Portanova

Giornalista, lavora per l’Espressoil Fatto QuotidianoWiredAltreconomia. Coordina Omicronweb.it ed è uno dei fondatori di Dust.it. Ha realizzato reportage sulla mafia nel nord Italia per Blunotte e Presadiretta (Raitre) e Falò (Tv Svizzera italiana). Ha pubblicato, tra gli altri, Dichiarazia (Bur, 2009), Il partito dell’amore (Chiarelettere, 2010), e per Melampo Inferno Bolzaneto (2008) e Governare con la paura (2009). E sempre per melampo ha pubblicato, con Giampiero Rossi e Franco Stefanoni, Mafia a Milano. Sessant'anni di affari e delitti(2011).

Ti potrebbe interessare anche

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.