Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Una storia di mafia e amore

Una storia di mafia e amore
Titolo Una storia di mafia e amore
Sottotitolo carte perdute e ritrovate
Autore
Editore Zolfo Editore
Formato
libro Libro: Brossura
Dimensioni 15x22
Pagine 176
Pubblicazione 12/2023
ISBN 9788832206777
 
16,00
 
Disponibilità immediata

Disponibile anche nel formato

“Questo è un romanzo storico, ovvero un misto di storia e d’invenzione, secondo una celebre definizione. L’intreccio è immaginario ma attento a non contraddire quanto la storiografia sa del contesto materiale e spirituale del passato. Ruota intorno al tema della mafia e dell’antimafia, dice di un amore indissolubilmente legato alla passione civile.

Si svolge tra il 1907 e il 1909, ma tanti squarci si aprono anche su momenti precedenti e successivi. I luoghi sono Palermo, Napoli, Livorno, e un po’ anche Roma e New York. Tra i personaggi, alcuni sono realmente esistiti, altri no. Alla prima categoria appartiene uno dei due protagonisti, il questore Ermanno Sangiorgi, il quale peraltro è qui raffigurato anche in situazioni che non si trovò a vivere nella vita vera, che sono esclusivamente proprie dell’intreccio romanzesco. Insomma, mi sono ispirato alla sua figura, ma liberamente. Appartiene alla seconda categoria l’altra protagonista, Elena Fiorito. L’ho inventata io ma, certo, ispirandomi a figure femminili reali del suo tempo.

Quanto alle carte perdute e ritrovate, di cui si compone il romanzo (lettere, pagine di diario, annotazioni), sono anch’esse immaginarie, ma sino a un certo punto: imitano infatti il linguaggio del tempo, ricavano suggestioni, traggono pezzi e brani da tante fonti in cui mi sono imbattuto nel corso del mio lavoro di storico di professione. E poi, ho inserito tra loro anche quattro autentici documenti d’archivio. Mi è sembrato potessero dare al tutto un pizzico di sapore di verità in più”.

 

Salvatore Lupo

 

Quarta di copertina

“La verità è che mi sono data al nemico. Mischiavo il mio respiro, il mio corpo col suo
perché troppo i nostri mondi erano mischiati, eravamo troppo vicini, io e lui.
Anzi dovrei dire: noi e loro. E qui giungiamo o, meglio, torniamo alla maffia,
all’immagine del firriato, a un intrico che intendo ora davvero quanto sia fitto e vario,
come comprenda galantuomini e canaglie, Ermanno e Rino, i Tano Bucalo e i Leonardo Fichera.
E gente come me, Elena la rivoluzionaria”

Biografia dell'autore

SALVATORE LUPO

Nato a Siena nel 1951, ha insegnato Storia contemporanea all’Università di Palermo. È stato tra i fondatori e condirettore della rivista «Meridiana» e redattore di «Storica».
Lupo è uno dei maggiori storici italiani. Tra le sue opere: Partito e antipartito. Una storia politica della prima Repubblica (2004), Il fascismo. La politica in un regime totalitario (2005), L’unifica­zione italiana. Mezzogiorno, rivoluzione, guerra civile (2011), La questione. Come liberare la sto­ria del Mezzogiorno dagli stereotipi (2015), tutte edite da Donzelli. Il passato del nostro presente. Il lungo Ottocento 1776-1913 è stato invece pub­blicato da Laterza nel 2010.
Fittissima la sua produzione sulla mafia. Il testo Quando la mafia trovò l’America, edito da Einau­di, ha vinto, nel 2009, il premio letterario Vitaliano Brancati. Tra gli altri suoi libri sull’argomento: Sto­ria della mafia. La criminalità organizzata in Sici­lia dalle origini ai giorni nostri (1993, seconda ed. 2004), Andreotti, la mafia, la storia d’Italia (1996), Che cos’è la mafia. Sciascia e Andreotti, l’anti­mafia e la politica (2007), La mafia. Centoses­sant’anni di storia. Tra Sicilia e America (2018), edite da Donzelli.

Rassegna stampa per Una storia di mafia e amore

Una storia di mafia e amore dei primi del Novecento
Si presenta alla Feltrinelli di Palermo il primo romanzo dello storico siciliano

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.