Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Tutta la vita all'ultimo banco

Tutta la vita all'ultimo banco
Titolo Tutta la vita all'ultimo banco
Sottotitolo Contro una scuola solo per gli studenti migliori
Autore
Collana Le storie, 45
Editore Zolfo Editore
Formato
libro Libro
Pagine 288
Pubblicazione 09/2023
ISBN 9788832206814
 
18,00
 
Disponibilità immediata

Disponibile anche nel formato

Milano, 1964: Maria Pia inizia le elementari e trova una maestra che insegna a leggere e scrivere a tutte le quaranta bambine della classe. Milano, 2006: Antonio, suo figlio, alla fine della prima elementare non ha neppure imparato a contare. Arriva solo fino a tredici, poi si ferma. Lei si trasforma allora nell’“istitutrice segreta” di Antonio, a cui dà ripetizioni sulle infinite materie dei programmi scolastici. Lo fa anche visitare da un medico che gli diagnostica un disturbo di apprendimento. A questo punto Maria Pia si chiede se non ne soffra anche lei, visto che non ha mai imparato le tabelline e continua a fare errori di ortografia. Diagnosi confermata: in famiglia i dislessici sono due. 

Ma perché lei è riuscita persino a laurearsi, mentre suo figlio a scuola impara ben poco?

Questo è il racconto delle avventure scolastiche dei due “asini” e si chiude con la famigerata didattica a distanza, nell’anno della pandemia. Antonio è riuscito a evitare la bocciatura evocata dai professori come salvifica: “Ti boccio per il tuo bene, così impari meglio!”. Eppure numerose ricerche dimostrano che nei Paesi in cui si boccia troppo i sistemi scolastici sfornano in realtà studenti meno bravi.

Cosa non funziona più, oggi, nella nostra scuola, riuscita nel compito di alfabetizzare il Paese durante il boom economico? È la domanda a cui cerca di rispondere il libro, che narra cinquant’anni di scuola italiana, vista prima con lo sguardo di una ragazza degli anni Sessanta, e poi con gli occhi della madre di un bambino del Duemila.

 

Quarta di copertina

“Solo un ragazzo su tre fra chi ha smesso di studiare prima del diploma trova lavoro.

Gli altri cosa faranno? Resteranno a casa finché i genitori li mantengono? 

E se i genitori perdessero il lavoro o diventassero più poveri, che ne sarà dei loro figli?”

Biografia dell'autore

Maria Pia baroncelli è nata a Milano, dove lavora nell’area Digital di un’azienda italiana. Costretta a iscriversi al liceo classico da un padre che la sognava esperta di lingue antiche, ha finito per scopiazzare le versioni di greco e latino dalla sua compagna di banco. Si è poi laureata in Economia Politica e oggi scrive (per passione) per il giornale online «Gli Stati Generali». Finora ha pubblicato con lo pseudonimo Viola Veloce.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.