Il tuo browser non supporta JavaScript!

C’ERA UNA VOLTA IL POOL ANTIMAFIA

31.07.2020
Di anni ne sono passati da quella mattina del 1984, dalla telefonata che ha cambiato la vita del magistrato Leonardo Guarnotta, come lui stesso racconta nel suo libro “C’era una volta il pool antimafia, i miei anni nel bunker”, con la prefazione del giornalista Attilio Bolzoni, edito dalla casa editrice Zolfo.
Fu Antonino Caponnetto a chiedergli di entrare a far parte del pool antimafia di Palermo, quella creatura pensata prima dal consigliere istruttore Rocco Chinnici, poi fatto saltare in aria mentre usciva dal portone della sua abitazione a Palermo. La Palermo degli omicidi e degli attentati alla libanese: “Palermo come Beirut”, intitolarono i giornali a quel tempo. E non si sbagliavano.
Ad Antonino Caponnetto spettò invece il compito di tradurre in concretezza l’idea di formare un pool di magistrati che si occupasse solo di mafia.
Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Giuseppe Di Lello, e infine Leonardo Guarnotta, erano gli uomini del pool antimafia di Palermo.

Scarica l'allegato per leggere l'intero articolo di Rosario Sardella per "S il mensile siciliano d'inchiesta"

C'era una volta il pool antimafia

i miei anni nel bunker

di Leonardo Guarnotta

editore: Zolfo Editore

pagine: 240

“Eravamo in guerra, una guerra mai ufficialmente dichiarata dallo Stato italiano ma combattuta ogni giorno a Palermo. Sino alla fine”
18,00 17,10

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.