Il tuo browser non supporta JavaScript!

‘La notte della civetta’, l’atto d’amore per la Sicilia di Piero Melati sull’estate 1985

Recensione di: La notte della civetta
24.04.2020

È un atto d’amore verso la Sicilia l’ultimo libro di Piero Melati, La notte della civetta, ed. Zolfo. Pieno di sicilianità, di cupezza e di profondità, come lo spirito di quella terra nichilista “inconscio dell’Italia”. Così indefinita da rappresentare uno spazio di riserva del pensiero irrazionale.

Uscito mentre il virus si impossessava delle nostre vite, il libro non è tuttavia passato inosservato, forse per merito della sua intensità e per la sua distanza dai luoghi comuni: niente frasi fatte o deferenze. Se dobbiamo ricordare il giudice Costa, dobbiamo anche parlare dei sostituti che lo abbandonarono: lui firma i mandati di cattura contro gli Inzerillo, gli altri no.

Lui viene ammazzato, gli altri vanno avanti partecipando alle cerimonie in memoria degli “eroi”. Ai funerali dei caduti, disse all’autore un famoso Pm, si vede chi scende e chi sale, basta guardare la disposizione delle prime file.

Clicca QUI per leggere l'articolo di Stefania Limiti per il Fatto Quotidiano

La notte della civetta

storie eretiche di mafia, di Sicilia, d'Italia

di Piero Melati

editore: Zolfo Editore

pagine: 288

Troppi fatti sono scomparsi. E con la vera storia della mafia è scomparsa anche la storia vera della Sicilia. È arrivato il momento di guardare la fotografia con sguardo obliquo.
18,00 17,10

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.